PENSIONE DI VECCHIAIA




La pensione di vecchiaia è subordinata:

REQUISITO ANAGRAFICO

I professori di prima fascia (professori straordinari e ordinari) già in servizio alla data dell’11/03/1980 (data di entrata in vigore della Legge delega n.28/80) e quelli nominati a seguito di concorsi già banditi alla medesima data vengono collocati fuori ruolo a decorrere dal 1° novembre successivo al compimento del 70.simo anno e in tale posizione rimangono per un periodo di tre anni; il collocamento a riposo d’ufficio viene disposto con effetto dal 1° novembre successivo al compimento del 73.simo anno di età. L’art.16 della Legge n.705/85 consente la possibilità di anticipare il collocamento fuori ruolo a partire dal compimento del 65.simo anno di età; il collocamento in quiescenza scatta decorsi tre anni dal collocamento fuori ruolo.

I professori di prima fascia nominati in base a concorsi banditi dopo l’11/03/1980 sono congedati dal 1° novembre successivo al compimento del 70.simo anno di età; per costoro il fuori ruolo è opzionale nel senso che non è automatico ma avviene solo se il docente lo chiede espressamente; l’opzione può essere esercitata a partire dal 65.simo anno; resta comunque fermo il collocamento a riposo dopo tre anni dal passaggio al fuori ruolo e in ogni caso al compimento del 70.simo anno di età.

I professori associati vengono inderogabilmente collocati fuori ruolo con effetto dall’inizio dell’anno accademico successivo al compimento del 65.simo anno di età; il collocamento a riposo segue a distanza di tre anni. Per i professori di seconda fascia che abbiano acquisito la qualifica in virtù di un precedente incarico stabilizzato di insegnamento valgono regole diverse; infatti, essi vengono collocati a riposo a 70 anni e non è previsto il fuori ruolo a meno di espressa richiesta che può essere avanzata a partire dal 65.simo anno; il collocamento a riposo viene disposto d’ufficio dopo tre anni dal collocamento fuori ruolo e comunque al raggiungimento dei 70 anni.

Per gli assistenti ed i ricercatori l’età pensionabile è fissata a 65 anni. Non è previsto l’istituto del fuori ruolo.

I limiti di età per l’accesso alle prestazioni di vecchiaia sono suscettibili di alcune deroghe:

Il D. Leg.vo 30/04/1997 n.165 dispone che nei confronti dei professori e ricercatori universitari che accedano al trattamento pensionistico successivamente al 65.simo anno di età, se uomini, o al 60.simo, se donne, trovano applicazione le disposizioni dettate per le pensioni di vecchiaia.
 
 

REQUISITO CONTRIBUTIVO

I requisiti contributivi necessari per il diritto alla pensione di vecchiaia sono:

Ai fini della maturazione del requisito contributivo per il diritto alla pensione si deve considerare: Per il personale docente la pratica del regime di impegno a tempo definito non ha alcuna ripercussione sull’accumulo dell’anzianità per il diritto e la misura della pensione.